Ti dico la verità: se mi avessero detto che un giorno avrei soggiornato a Cortina d’Ampezzo, molto probabilmente mi sarei messo a ridere. L’avevo sempre considerata un’entità astratta, un mondo così distante dal mio, poi però ho capito che erano solo pregiudizi da quattro soldi.

Nel visitare Cortina mi sono reso conto che ero libero di camminare per il corso centrale con entrambe le scarpe bucate, di sedermi al ristorante e ordinare una pizza margherita, di pernottare in un albergo in pieno centro senza una carta di credito; e tutto questo senza mai sentirmi diverso dagli altri, o peggio ancora a disagio.

Insomma, la Regina delle Dolomiti – perdonami, non ho resistito alla tentazione di scriverlo anch’io – è un luogo normale, quello strano forse sono io (anche senza forse).

Cosa vedere a Cortina d’Ampezzo

Il centro abitato di Cortina è raccolto in poche vie, volendo basta mezza giornata per esplorarlo. Ciò rappresenta un grande vantaggio, se non hai molti giorni a disposizione e intendi scoprire quanto più possibile la zona intorno.

Se ad esempio arrivi per l’ora di pranzo, o giù di lì, potresti visitare il centro nel pomeriggio, per poi concentrarti già dal secondo giorno sui paesi e le attrattive naturali presenti qui vicino. Cosa ne pensi? Dici che potrebbe essere una buona idea?

Cosa vedere a Cortina d'Ampezzo

Un passo alla volta però: prima di tutto, ti mostrerò che cosa vedere a Cortina d’Ampezzo in centro.

Corso Italia

Eleganza non ostentata, ma consapevole. Definirei così il corso centrale di Cortina, un magnete per tutti i turisti pronti a saggiarla per la prima volta.

Corso Italia a Cortina d'Ampezzo
Corso Italia (Tiia Monto, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons)

Dirti di camminare mano nella mano con la persona che ami è banale, e per questo non te lo dirò. Armati invece di curiosità, ricerca nei volti delle altre persone quella spensieratezza e senso di appagamento che qui si respirano metro dopo metro.

Il Duomo visto da Corso Italia (Tiia Monto, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons)

Il corso pedonale inizia da piazza Pittori fratelli Ghedina, in prossimità dell’Hotel Aquila, e prosegue tra boutique d’alta moda e locali per mangiare sia di giorno che alla sera, fino a terminare all’altezza del Parc Hotel Victoria.

Durante la passeggiata incontrerai, nel seguente ordine, anche gli altri principali punti d’interesse del centro: la Basilica dei Santi Filippo e Giacomo, il Museo d’Arte Moderna intitolato a Mario Rimoldi, e il Grande Magazzino La Cooperativa.

Campanile del Duomo (K93, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons)

Tip: per godere di una vista impareggiabile sulle Tofane mentre cammini, anziché iniziare il corso da Piazza Pittori fratelli Ghedina, comincialo dal Parc Hotel Victoria, risalendo cioè da Via Roma.

Basilica dei Santi Filippo e Giacomo

A metà di Corso Italia incontrerai il Duomo, l’edificio religioso più importante di Cortina d’Ampezzo. La sua costruzione risale alla seconda metà del Settecento, e all’interno ospita un pregevole tabernacolo realizzato dall’artista bellunese Andrea Brustolon. Si deve invece all’architetto Gianluca Ghedini il recente restauro della chiesa (primi anni Duemila), allo scopo di ripristinare l’architettura originaria.

Interno del Duomo (Rino Porrovecchio from Palermo, Italy, CC BY-SA 2.0, via Wikimedia Commons)

Se vuoi approfondire l’argomento, visita il sito ufficiale parrocchiacortina.it.

Il Duomo sorge nella piazza intitolata al concittadino Angelo Dibona,  celebre alpinista vissuto tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento. Sono in tanti oggi a descriverlo come il milior arrampicatore a livello mondiale del suo periodo, giudizio che lo rende uno tra i cittadini più illustri di Cortina, tanto da meritare un busto in bronzo nella piazza più affollata di Corso Italia.

La Cooperativa

“Il Grande Magazzino più importante delle Dolomiti”, si legge nella home page di coopcortina.com, il sito de La Cooperativa. Consideralo a tutti gli effetti come il punto di riferimento dello shopping a Cortina d’Ampezzo, soprattutto se sei alla ricerca di un rapporto qualità-prezzo difficilmente eguagliabile dalle numerose boutique disseminate lungo Corso Italia. Lo trovi proprio mentre passeggi nel centro pedonale, nelle immediate vicinanze del Duomo (di fronte al Municipio).

La Cooperativa (La Cooperativa di Cortina / Facebook)

Il centro-acquisti ampezzano si sviluppa in sei livelli:

  • piano terra
  • piano balconata
  • piano rialzato
  • primo piano
  • secondo piano
  • terzo piano

Al piano terra sono presenti sia la profumeria che l’area souvenir; al livello successivo (piano balconata) c’è un wine shop, mentre il piano rialzato è dedicato ai prodotti tipici del territorio; salendo al primo piano ecco il reparto abbigliamento (casual, jeanseria, sportivo e bambino), al secondo invece intimo e giocattoli, infine al terzo e ultimo piano i reparti calzature, borse, valigeria e outdoor.

Tip: date le dimensioni della struttura, oltre alla varietà e il numero degli articoli presenti, La Cooperativa è il luogo ideale non solo per fare shopping ma anche per trascorrere una o due ore se fuori piove.

Musei

In conclusione, vorrei segnalarti anche i tre musei che rappresentano l’offerta culturale di Cortina: il Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, il Museo Paleontologico Rinaldo Zardini e il Museo Etnografico) Il primo è accanto alla Basilica dei Santi Filippo e Giacomo, il secondo e il terzo invece rimangono in una posizione più defilata, essendo a pochi metri dal parcheggio multipiano Pontechiesa (non lontano dallo Stadio Olimpico del Ghiaccio).

Museo Paleontologico Rinaldo Zardini
Museo Paleontologico Rinaldo Zardini (Museo Rinaldo Zardini / Facebook)

Non mi dilungo oltre perché durante il nostro soggiorno io e Chiara non abbiamo mai trovato un un minuto libero da dedicare ad almeno uno dei tre musei, ma mi sento comunque di consigliarteli per due motivi: soddisfano la curiosità dei bambini e offrono uno svago piacevole in caso di pioggia.

Per approfondire ulteriormente ti lascio i link comune a tutti i tre musei: sito musei.regole.it.

Cosa vedere vicino a Cortina

Come ti dicevo all’inizio, l’altra parte più interessante della vacanza è offerta dai tanti luoghi d’interesse da visitare nei dintorni di Cortina d’Ampezzo:

Cliccando su ciascun link qui sopra potrai leggere la mia esperienza, in aggiunta a tanti piccoli consigli pratici che ti aiuteranno a organizzare la tua visita.

Se hai un dubbio o una domanda su come preparare un itinerario di viaggio che abbia come punto di riferimento il soggiorno a Cortina di due o più giorni, lascia pure un commento qui sotto, ti risponderò il prima possibile.