Te lo dico subito, a scanso di equivoci: se decidi di visitare San Cassiano in Alta Badia potresti innamorartene perdutamente, quindi se il tuo cuore è già occupato da un’altra persona valuta se convenga correre il rischio. A parte gli scherzi, la frazione del comune di Badia esercita per davvero un grande fascino, soprattutto nel suo minuscolo centro storico.

Il paese di San Cassiano si trova nella splendida Val Badia, vicino a Corvara e Colfosco, ed è stata una piacevole scoperta della mia ultima vacanza in Trentino Alto Adige. Deliziosa, incantevole, romantica: sono tanti gli aggettivi con cui potrei descriverla, nessuno di questi però sa ricreare l’atmosfera magica avvertita stando lì.

Ma ora bando alle ciance: sono qui per mostrarti le 5 cose più belle da fare e vedere a San Cassiano durante una veloce visita, di una o due ore al massimo.

Cosa fare e vedere a San Cassiano (Alta Badia)

1. Passeggiare mano nella mano nell’area pedonale

Mi chiedo sempre il senso di abitare in una grande città, quando invece ci si può tranquillamente trasferire in un borgo o in un piccolo paese di montagna e avere tutte le comodità a portata di mano. Prendi San Cassiano ad esempio, con la sua area pedonale che sembra esserle cucita addosso: non trovi anche tu sia semplicemente adorabile?

Se sei in dolce compagnia, prendi pure per mano la persona che ami ed entra in punta di piedi nel romantico centro del paese: sarà un’esperienza che non dimenticherai facilmente, qualunque sia la stagione dell’amore attraversata.

2. Fotografare la Chiesa di San Cassiano da ogni posizione

Nel centro raccolto di San Cassiano, all’inizio della salita che conduce alla parte alta dell’abitato, trovi la graziosa Chiesa dedicata a Giovanni Cassiano, la cui statua campeggia sulla facciata. La parrocchia è riconoscibilissima, sia per la tradizionale architettura delle chiese alpine che per il colore verde impiegato nel definire il suo aspetto esteriore.

La chiesa di San Cassiano in Alto Badia

Essendo uno dei rari monumenti presenti da queste parti, oltre a essere oggettivamente bella da vedere, offrile la giusta attenzione che merita ritraendola in quante più foto possibili. E mi raccomando, non farti distrarre dal paesaggio intorno.

3. Conoscere i gatti di Villa Gina

Sei amante dei gatti? Sappi allora che il paese di San Cassiano in Val Badia ospita un luogo insolito, trasformatosi nel corso degli anni in una sinistra dimora per i felini. Conoscendoli, credo che a loro interessi poco o nulla dell’aspetto esteriore di Villa Gina, non esattamente dei migliori per usare un eufemismo.

L'edificio abbandonato Villa Gina a San Cassiano in Alta Badia

Al contrario, sono ben disposti a fare la conoscenza dei nuovi turisti, dare loro il benvenuto, e magari perfino ricevere qualche coccola da persone selezionate con cura: d’altronde si sa che i gatti – come le persone – non vanno per forza d’accordo con tutti, anzi…

4. Scoprire le origini delle Dolomiti

Poco prima di entrare nell’area pedonale, proprio di fronte alla Chiesa, c’è il Museum Ladin Ursus ladinicus (link sito ufficiale), l’unico museo presente a San Cassiano. Al suo interno apprenderai le origini delle Dolomiti e dell’ursus ladinicus, l’orso che visse in questa area oltre 40 mila anni fa e a cui il museo è dedicato.

Può essere sicuramente una visita stimolante, consigliata in particolare se viaggi con bambini (per natura i più curiosi) o hai il desiderio di conoscere come si sono formate le montagne Patrimonio Naturale dell’Umanità.

Tip: incluso nel biglietto del Museum Ladin Ursus ladinicus c’è anche l’ingresso al Museum Ladin Ćiastel de Tor situato nel comune di San Martino in Badia.

5. Arrampicarsi su per il rifugio Santa Croce

Mi rivolgo adesso agli escursionisti più in gamba, che magari stanno leggendo l’articolo e non hanno ancora visto nulla per cui varrebbe la pena spingersi fino a qui: care amiche e amici, se vi dico che da San Cassiano in Alta Badia ci si può arrampicare fino all’inizio del sentiero numero 15, che conduce dritto dritto fino al rifugio Santa Croce?

Panoramica del rifugio Santa Croce in Val Badia

Oddio, proprio una passeggiata semplicissima non è, soprattutto nei primi 500 metri dal segnavia 15, quest’ultimo posizionato nella parte alta del paese; la meta finale però ripagherà del tutto gli sforzi compiuti in precedenza, regalandoti un panorama da fiaba.

Consiglio: per raggiungere il sentiero numero 15 imbocca la salita che inizia all’altezza della Chiesa, prosegui quindi sulla strada in asfalto fino a quando non trovi le indicazioni per il noto rifugio.

Dove parcheggiare a San Cassiano (Alta Badia)

Le aree di parcheggio a San Cassiano sono due:

  • la sosta a pagamento in Strada Micurà del Rü
  • la sosta gratuita per 90 minuti accanto al Lagació Hotel Mountain Residence

Il primo parcheggio si trova sopra l’area al coperto destinata ai clienti dell’hotel Bosco Verde, ed è indicato con chiarezza tramite la segnaletica recante la lettera P e le indicazioni per il centro del paese. Nei giorni festivi la sosta è gratuita.

A pochi metri di distanza, lungo la Provinciale 37, c’è il secondo parcheggio con strisce bianche e la possibilità di restare fino a un massimo di 90 minuti, tempo comunque sufficiente per visitare l’abitato. Io ho parcheggiato qui, fermandomi poi 30-50 metri più avanti su una panchina per mangiare il pranzo a sacco.

San Cassiano (Alta Badia) e dintorni

Grotta della Neve

La Grotta della Neve in Val Badia è uno di quei posti che ti lascia senza fiato per settimane, mesi, anni. Si trova a trenta minuti di trekking – relativamente semplice – una volta raggiunto il rifugio Santa Croce: non esiste luogo migliore per vivere un’esperienza più unica che rara da queste parti.

Dentro la Grotta della Neve in Val Badia

Lago Boè

Un altro gioiello della Val Badia, anche questo nascosto all’occhio della massa come la Grotta della Neve: per raggiungere il lago Boè dirigiti a Corvara e sali con la cabinovia Boè fino ai 2.191 metri del Rifugio Piz Boè Alpin Lounge, da qui poi prosegui a piedi per altri 100-150 metri e davanti a te avrai uno spettacolo sublime.

Una panoramica sul lago Boè

Cascate del Pisciadù

L’ultima attrazione naturale che ti consiglio di vedere nei dintorni di San Cassiano sono le cascate del Pisciadù, situate non lontano dal centro abitato di Colfosco, a pochi km da Corvara. L’escursione per raggiungerle è tra le più semplici che ci siano nella Val Badia, e anche per questo motivo sono così gettonate dalle famiglie con bambini.

L'inizio del sentiero per le cascate del Pisciadù

Conclusioni

Per la guida a San Cassiano in Alta Badia è davvero tutto, mi auguro di esserti stato d’aiuto per organizzare al meglio la tua prossima visita. Per qualsiasi dubbio o domanda ti invito a lasciare un commento qui sotto, sarò lieto di risponderti il prima possibile.