Fiorenzuola di Focara, cosa vedere in un giorno

Fiorenzuola di Focara

Fiorenzuola di Focara è un borgo immerso nel Parco naturale del monte San Bartolo, famoso per gli immortali versi di Dante e per la sua scintillante spiaggia. Si trova in provincia di Pesaro e Urbino, nelle Marche, a meno di 10 km dal confine con l’Emilia-Romagna segnato da Gabicce Mare. Nelle immediate vicinanze c’è anche Gradara.

Abbiamo visitato Focara in occasione delle Giornate FAI, venendo sorpresi dalla moltitudine di gente accorsa per il primo weekend di primavera. Tantissimi i corridori in bici e i motociclisti, ma questa non è di certo una novità per un territorio che nel raggio di 50 km ha visto nascere campioni delle due ruote quali Valentino Rossi e Marco Pantani.

Ti mostrerò di seguito cosa vedere in un giorno a Fiorenzuola di Focara, aiutandomi con le foto scattate da Chiara. Inoltre, troverai diversi consigli pratici sulla visita, incluse le indicazioni stradali per raggiungere il borgo marchigiano.

Cosa vedere a Fiorenzuola di Focara


1. I versi di Dante Alighieri

L’ingresso al borgo è impreziosito dai versi che Dante Alighieri scrisse per la Divina Commedia citando Fiorenzuola di Focara: “Poi farà sì ch’al vento di Focara, non farà lor mestier voto né preco”. Se ti va, puoi leggerlo di persona prendendo il canto numero 28 dell’Inferno.

Come per le biciclette e per le moto incontrate all’inizio, la presenza del Sommo Poeta non è poi così sorprendente da queste parti. Ti è sufficiente pensare alla storia di Paolo e Francesca, consumatasi tra le mura del castello di Gradara (a 10 minuti d’auto da qui) e resa immortale dai versi del V canto dell’Inferno. Varcato l’ingresso, ti consiglio di scoprire le gemme nascoste del borgo seguendo il percorso indicato dalla cinta muraria del castello di Focara.

2. Il giardino privato

Una di queste è un giardino privato, aperto soltanto per eventi speciali, come ad esempio le Giornate del Fondo Ambiente Italiano. Siediti su una delle panchine presenti e ammira il panorama intorno, modellato dalle dolci colline dell’entroterra delle Marche. Se c’è una bella giornata di sole, da qui potrai godere di una vista privilegiata anche su Gradara.

3. La chiesa di Sant’Andrea

Raggiungi ora il punto più alto del castello, rappresentato dal campanile della chiesa di Sant’Andrea, unica parte dell’edificio religioso a essere rimasta in piedi. La costruzione risale al 1200. Durante la visita, sentirai il campanile suonare più di una volta. Prova a immaginare quale significato assuma tale suono per le poche decine di abitanti che hanno scelto di restare a vivere qui durante tutto l’anno, soprattutto nelle giornate invernali più cupe, sferzate dal vento cantato da Dante.

4. Belvedere

Nell’area antistante le rovine della chiesa si apre infine un belvedere spettacolare sulla spiaggia di Fiorenzuola di Focara e sulla costa adriatica del Parco San Bartolo. Questo è stato il punto che più di tutti mi è rimasto impresso, una cartolina perfetta da immortalare con la fotocamera o con il cellulare.

5. Spiaggia

La ragione principale che spinge le persone a raggiungere Focara è la sua spiaggia. L’acqua è di un colore verde turchese intenso, il fondale basso la rende perfetta per le famiglie con bambini, in più lo scenario naturale del Parco naturale del monte San Bartolo alle sue spalle rende il luogo ancora più suggestivo.

RICONOSCIMENTO / A marzo 2019 è stata inserita dal prestigioso The Guardian tra le 40 spiagge più belle in Europa. A questo link trovi l’articolo originale in inglese.

Come arrivare

La spiaggia di Fiorenzuola di Focara è raggiungibile dal centro abitato imboccando la strada della Marina (cartello Mare).

IMPORTANTE / A causa di una serie di frane che hanno interessato l’area del Parco naturale del monte San Bartolo, l’accesso alla strada è interdetto alle auto. In caso di novità aggiorneremo l’articolo. Ti invito a verificare le ultime notizie a riguardo nella pagina Facebook Parco San Bartolo.

Navetta spiaggia Fiorenzuola di Focara

Un comodo servizio navetta gestito dall’azienda trasporti Adriabus collega il centro di Focara con la spiaggia.

IMPORTANTE / La navetta è stata sospesa dopo le frane che hanno portato al divieto di transito della strada della Marina alle macchine. Non appena ci saranno novità aggiorneremo l’articolo.

Come arrivare a Fiorenzuola di Focara


Dalla riviera romagnola

Data la posizione a ridosso del confine con l’Emilia-Romagna, raggiungere Fiorenzuola di Focara da Riccione e da Rimini è molto semplice. Ti sconsiglio di prendere l’autostrada A14 per via della distanza minima da percorrere (rispettivamente 19 e 33 km). Entra invece nella strada statale 16 procedendo in direzione sud, oltrepassa Cattolica, quindi svolta a sinistra al cartello che indica tra gli altri la frazione Casteldimezzo e il promontorio di Focara.

Da Ancona

Se parti da sud, ad esempio da Ancona, ti consiglio invece di imboccare l’autostrada A14 al casello Ancona Nord per poi prendere l’uscita Pesaro-Urbino. Prima di raggiungere il centro di Pesaro, al semaforo svolta a sinistra in direzione Rimini. Procedi dunque lungo la strada statale 16, supera un paio di rotonde, infine svolta a destra al cartello Focara.

Dove parcheggiare

Noi abbiamo lasciato l’auto nel parcheggio gratuito posizionato di fronte al cimitero. Ti suggerisco di scegliere questa opzione per comodità, con l’ingresso al borgo distante circa 2-3 minuti a piedi. Se non trovi nemmeno un posto libero, segui allora il cartello Parcheggio che conduce al centro del borgo di Focara, dove ci sono alcuni posti auto contrassegnati dalle strisce bianche nelle immediate vicinanze dell’entrata all’interno della cinta muraria.

Conclusioni

Dopo la visita al borgo di Focara, tempo permettendo, ti suggerisco di andare prima a Casteldimezzo, altro piccolo borgo del Parco San Bartolo distante 2 km, quindi nella vicina Gradara, vincitrice del premio Borgo dei Borghi. Non mi resta che salutarti e augurarti un piacevole soggiorno a Fiorenzuola di Focara. Per qualsiasi dubbio o domanda, lascia pure un commento qui sotto.

CONFRONTO / 11 SPIAGGE PIÙ BELLE DI PORTONOVO

Lascia un commento

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome qui