Pensi che guidare in Scozia sia troppo difficile e per questo vuoi rinunciare a una vacanza indimenticabile? Proverò, nel mio piccolo, a farti cambiare idea nei prossimi cinque minuti. Come te, anch’io all’inizio ero spaventato per la guida a sinistra. Prima di partire ho visto tanti video su Youtube, cercando di capire se fosse fattibile o meno un viaggio in Scozia di 10 giorni con un auto a noleggio. Alla fine, dopo numerosi tentennamenti, mi sono fatto coraggio e ho deciso di prendere la macchina. Una scelta che rifarei ancora mille volte, anche se i primi chilometri sono stati un trauma.

Ti illustrerò adesso 10 consigli per prepararti alla guida in Scozia senza paura.

Indice

1. Guida a sinistra in Scozia

In Scozia la guida è a sinistra. Benissimo, ma cosa comporta in concreto? Semplice: tutto quello che fai con l’auto in Italia devi replicarlo nel Paese scozzese al contrario.

POSTO GUIDA / Fino a oggi sei sempre entrato dalla parte sinistra dell’abitacolo? Nel Paese anglosassone il conducente entra dalla parte destra, perché il volante e il resto dei comandi si trovano a destra e non a sinistra.

PRECEDENZA / Come funziona la precedenza in Scozia? Esattamente al contrario di come siamo abituati: se dunque in Italia la si deve dare a quelli che arrivano da sinistra, automaticamente sai che a Edimburgo e dintorni – nella stessa situazione – è per gli automobilisti che vengono da destra.

SORPASSO / Lo stesso discorso vale per il sorpasso, che si effettua spostandosi sulla corsia di destra.

SPECCHIETTO / Quando sistemi lo specchietto retrovisore, ricorda di posizionarlo dalla tua parte e non verso il lato passeggeri.

Guida in Scozia a sinistra

2. Dai la precedenza a destra nelle rotonde

La Scozia ha molte rotonde e pochi semafori. Purtroppo, aggiungo io. Infatti, mentre alla guida a sinistra ci si abitua velocemente, lo stesso non si può dire per il superamento delle rotonde. Sfortuna vuole che si incontrino da subito, perché 9 volte su 10 l’auto a noleggio si ritira presso l’aeroporto di Edimburgo, dove oltre a un numero maggiore di rotonde devi fare i conti con il traffico della città. Le prime volte metti in conto di sbagliare anche tre, quattro, cinque volte.

I miei consigli sono:

  • Non ascoltare il navigatore (io l’ho impostato in modalità silenzioso), molte volte sbaglia. Se infatti devi prendere la prima uscita è capace di dirti di prendere la terza o la quarta. Usa il navigatore soltanto per il nome della strada che devi seguire
  • Dai la precedenza a destra
  • Quando a destra è libero, avanza lentamente, cercando l’indicazione stradale giusta (concentrati sul nome della strada/autostrada, non su quello della città)

TIP / Se prendi un’uscita non corretta non preoccuparti: hai sempre la possibilità di tornare sul percorso giusto in breve tempo, soprattutto se sei ancora nelle vicinanze dell’aeroporto.

3. Prendi le misure alle autostrade scozzesi

L’autostrada qui è molto diversa da quella a cui siamo abituati. L’unica volta che ho percorso un’autostrada scozzese a tre corsie è stato non lontano dall’aeroporto di Edimburgo. Per il resto, soltanto a due o a una corsia. Inoltre non hanno stazioni di servizio dove poter fare una sosta per riposare, mangiare o andare in bagno.

IMPORTANTE / Le autostrade in Scozia sono gratuite, non c’è un pedaggio fisso come da noi in Italia. Prima di partire avevo letto in alcuni forum invece il contrario.

4. Usa i passing places nelle single track

Dopo le rotonde, le strade a una sola corsia (le famose single track) sono l’altra criticità che puoi riscontrare quando sei alla guida in Scozia. Le inizi a incontrare dopo Inverness e nell’isola di Skye. In genere sono tratti brevi (anche sterrati), in alcune occasioni però superano anche i 20 km, dove la velocità ideale è intorno a 30 mph. Aiutati anche con i passing places, i segnali che indicano dove la strada è un po’ più ampia e danno modo agli automobilisti di fermarsi per far passare in totale sicurezza l’altra auto. Non aspettare che siano gli altri a fermarsi per darti la precedenza, fallo tu.

DOPO 2.000 KM / Prima di partire avevo pensato che le strade a una sola corsia fossero la parte più impegnativa del percorso. Dopo aver guidato per oltre 2.000 km, ti assicuro invece che sono più complicate le rotonde (ma trascorsi i primi 2-3 giorni anche loro ti sembreranno meno ostiche).

SCOPRI DI PIÙ / IL NOSTRO ITINERARIO IN SCOZIA DI 10 GIORNI

Passing place in una single track nelle Highlands scozzesi

5. Non superare i limiti di velocità

Come per l’Italia, esistono tre limiti di velocità in base alla tipologia di strade:

  • Autostrada/Strade a due carreggiate: 70 mph
  • Strada a una carreggiata: 60 mph
  • Centri abitati: 30 mph

Il tachimetro delle auto a noleggio esprime la velocità in miglia orarie, in ogni caso sono valori paragonabili a quelli italiani: 112 km/h, 96 km/h e 48 km/h.

ESPERIENZA / Durante i primi giorni di vacanza, probabilmente non supererai mai le 40 miglia neanche in autostrada, a causa della scarsa confidenza con il mezzo per l’inesperienza della guida a sinistra. Già dopo 3-4 giorni inizierai però ad andare più forte, ti suggerisco quindi di prestare attenzione perché anche in Scozia ci sono gli autovelox, in particolare nelle strade a una carreggiata e nei centri abitati.

6. Fai benzina ogni volta che ne hai la possibilità

Dopo le rotonde e le single track, la terza criticità è il rifornimento di carburante. Se hai in programma l’esplorazione delle Highlands seguendo il percorso della North Coast 500, ti chiederai spesso dove si trova la prossima stazione di servizio. Fare il pieno non è una missione impossibile, devi soltanto prendere alcune cautele:

  • limita la media del chilometraggio giornaliero sotto i 300 km
  • quando sei nelle Highlands scozzesi fai il pieno ogni volta che ne hai la possibilità
  • ricorda che le stazioni di servizio sono quasi sempre situate all’ingresso o all’uscita dei centri abitati, è raro trovarle lungo la strada come da noi in Italia
  • se l’auto che guidi ha il navigatore integrato, avvia la ricerca delle stazioni di carburante più vicine rispetto alla tua posizione

Qui sotto trovi l’elenco degli indirizzi delle stazioni di servizio dove ho fatto il pieno di carburante lungo il mio itinerario scozzese:

  • Inverness IV63 6UL, Regno Unito (vicino a Loch Ness)
  • Thurso KW14 8EP, Regno Unito (Thurso)
  • Dunvegan Rd, Portree IV51 9HD, Regno Unito (Portree)
  • Harbour Building, Mallaig PH41 4QD, Regno Unito (Mallaig)
  • 166 Glasgow Rd, Edinburgh EH12 8LS, Regno Unito (a 5 km dalla sede di Arnold Clark, compagnia di autonoleggio)

SCOPRI DI PIÙ / 20 COSE DA FARE NELLE HIGHLANDS

Cartello di benvenuto nelle Highlands scozzesi

7. Noleggia un’utilitaria

La maggior parte delle strade scozzesi sono strette (senza contare le single track). Se a ciò si aggiunge la guida a sinistra, va da sé che l’auto ideale per guidare in Scozia sia una piccola: l’utilitaria è perfetta. A me la compagnia di noleggio auto ha assegnato il nuovo modello della Ford Fiesta, con cui mi sono trovato benissimo (anche lato consumi).

VANTAGGI AUTO PICCOLA / Noleggiando un veicolo di dimensioni modeste riesci prima di tutto a prendere meglio le misure alla strada, ti rendi cioè conto se stai andando oltre la striscia bianca che delimita la carreggiata oppure stai sfiorando con lo specchietto le auto parcheggiate. L’altro vantaggio di guidare un’auto piccola è una maggiore confidenza con il veicolo, dettata dalla velocità ridotta rispetto ad altri mezzi.

TIP / Soprattutto nei primi 300-500 km accumula più esperienza possibile – e non velocità – per affrontare al meglio il resto del viaggio.

Auto a noleggio in Scozia parcheggiata

8. Preferisci il cambio manuale

La scelta del cambio può sembrare banale, in realtà non lo è. Al momento del ritiro dell’auto a noleggio, il personale della compagnia informa il cliente sul tipo di cambio presente. Sempre più macchine oggi montano il cambio automatico. Dove sta il problema? Se hai sempre guidato a destra e con il cambio manuale, trovarti all’improvviso a guidare a sinistra e con il cambio automatico il problema esiste eccome.

Ti consiglio di farti assegnare un’auto con cambio manuale se in Italia hai sempre guidato con questa tipologia. Troppe novità in una sola volta possono peggiorare l’esperienza di guida. Fra guida a sinistra, rotonde e single track hai già troppe cose a cui pensare.

TIP / Se ti dicono che hanno terminato le auto con il cambio manuale rispondi che aspetterai l’arrivo di un’altra macchina. Dopo pochi minuti, come per magia, la troveranno.

9. Silenzia il navigatore

Le auto a noleggio hanno il navigatore integrato. All’inizio ho fatto l’errore di preferire quello mio personale, perché convinto per qualche strano motivo che fosse migliore. Dopo aver percorso circa 100 km ho capito che il navigatore dell’auto noleggiata è migliore di qualsiasi altro dispositivo. Tutte le informazioni più importanti vengono riportate in automatico nel quadro strumenti, fra cui la direzione da seguire, quanti km mancano alla nuova indicazione e il nome della strada che si sta percorrendo.

CONSIGLIO / L’unico vero punto negativo del navigatore è la scarsa interpretazione delle rotonde, motivo per cui ti suggerisco di nuovo di metterlo silenzioso così da non farti condizionare.

Uso navigatore integrato in un'auto a noleggio in Scozia

10. Parcheggia nel senso di marcia opposto

Una delle cose più strane che ho visto in Scozia è il modo in cui vengono parcheggiate le auto nelle strade a una carreggiate. Gli scozzesi sono infatti soliti posteggiare la loro macchina nel senso di marcia opposto (a destra). In Italia invece il veicolo parcheggiato segue 9 volte su 10 la logica dello stesso senso di marcia (quindi sempre a destra).

OCCHI APERTI / Presta dunque attenzione all’inusuale licenza che gli automobilisti scozzesi si prendono nelle loro strade. Non di rado può capitare che incontri un’auto posteggiata con il muso rivolto verso di te (in teoria dovrebbe essere il contrario, cioè la parte posteriore). Noi ad esempio ce ne siamo accorti soprattutto a Saint Andrews, la città di gabbiani e golf.

SCOPRI DI PIÙ / COSA FARE A SAINT ANDREWS

Parcheggio auto a Saint Andrews (Scozia)

Altre cose da sapere per guidare in Scozia

Dedico quest’ultima parte alle domande più frequenti dei viaggiatori sulla guida in terra scozzese:

  • Posso guidare in Scozia con la patente italiana? Sì, è sufficiente avere la propria patente per poter circolare.
  • La cassetta di pronto soccorso è obbligatoria? No, ma è consigliata.
  • L’assicurazione della mia auto è valida anche in Italia? Sì, la validità è confermata anche nel Regno Unito.
  • Qual è il numero da chiamare per le emergenze? Il 999, valido sia per la polizia che l’ambulanza.

Conclusioni

Adesso hai tutti gli strumenti necessari per guidare in Scozia senza problemi. Per qualsiasi dubbio o informazione extra, puoi lasciare un commento qui sotto.

SCOPRI ANCHE: LE COSE DA SAPERE SUL NOLEGGIO AUTO IN SCOZIA


Federico Pisanu

Ciao, mi chiamo Federico Pisanu e ti do il benvenuto sul blog Viaggi e Ritratti. Vivo da un po' nelle Marche, una regione di cui mi sono innamorato in pochissimi giorni. Cosa faccio quando non sono in viaggio? Scrivo, gioco con i miei due gatti e mangio la pizza.