La Scozia è un libro scritto dal vento, una sinfonia di gabbiani affamati, un documentario di emozioni sovraesposte. Organizzare una vacanza da queste parti non è semplice, tante sono le cose da fare e vedere. Qui trovi alcune idee seguendo il nostro itinerario in Scozia di 10 giorni, un viaggio di oltre 2.000 km con una Ford Fiesta a noleggio.

CONSIGLIO / Se non hai esperienza con la guida a sinistra, limita il più possibile il chilometraggio del primo giorno e organizza l’itinerario basandoti su strade semplici e poco trafficate. Inoltre, se è la tua prima volta qui, puoi trovare utile la lettura su come guidare in Scozia.

Giorno 1

Saint Andrews

Dall’Aeroporto di Edimburgo alla città Saint Andrews la distanza è di circa 80 km. Condizioni del traffico e confidenza con la guida a sinistra permettendo, si impiegano poco meno di 2 ore. Abbiamo visto l’Università, le rovine del Castello e della Cattedrale, i campi da golf e la spiaggia cinematografica di West Sand. Terminata la visita alla città, ci dirigiamo a Leven, distante circa 20 km, per soggiornare nel b&b dell’elegantissimo signor Matt.

Porto Saint Andrews (Scozia)

Giorno 2

Dunnottar Castle

Abbiamo inserito nell’itinerario la città di Stonehaven per vedere il sublime Dunnottar Castle. Da qui parte infatti il sentiero che conduce fino al castello, un percorso della durata di circa 40 minuti (solo andata). Tieni conto un’intera mattinata per raggiungere la città della Scozia nord-orientale e completare la visita alle rovine del maniero.

Dunnottar Castle

Glamis Castle

Il villaggio di Glamis si raggiunge percorrendo in senso contrario la stessa strada (la A90) che da Leven conduce a Stonehaven. Qui si trova il famoso Glamis Castle, intorno al quale si sono diffuse nel tempo numerose leggende legate alla presenza dei fantasmi.

Castello di Glamis

Queen’s view

Lungo la A9, in direzione nord verso Inverness, la prossima fermata è Pitlochry, nota località delle Highlands centrali, all’ingresso del Cairngorms National Park. L’attrazione principale è la Queen’s view, un punto panoramico che toglie il fiato, soprattutto quando fa bel tempo (non è stato il nostro caso purtroppo).

Queen's View (Scozia)

Inverness

Si sono fatte le cinque del pomeriggio, ci attendono ora 140 km di strada per arrivare a Inverness. Fortunatamente la strada è una delle più semplici che si possano incontrare in Scozia, il viaggio quindi non è pesante nonostante sia già tardi e i km percorsi in precedenza. La nostra visita di Inverness si limita al Castello e a qualche scatto sul fiume Ness che divide in due la città, prima di tuffarci dentro il primo locale utile per la cena.

RICORDA / In Scozia sono abituati a cenare e chiudere altrettanto presto i ristoranti, tienilo in considerazione quando organizzi gli spostamenti e la visita ai principali luoghi d’interesse.

Inverness (Scozia)

Giorno 3

Loch Ness

Il Loch Ness è la prima – e anche memorabile – tappa di giornata. Partendo da Inverness si guida in direzione sud, costeggiando il lago. In pochi km si arriva al Castello di Urquhart, meritevole di essere aggiunto all’itinerario soltanto per sentire sulla faccia il gelido vento che sferza il Loch Ness restituendogli un colore spettrale.

Castello di Urquhart

Fort Augustus

All’estremità meridionale del Loch Ness ci attende Fort Augustus, uno di quei villaggi per cui l’aggettivo ridente calza a pennello. Tra suonatori di cornamuse, piccole case colorate e ponti girevoli sul Canale di Caledonia, la località scozzese è perfetta per una sosta durante l’ora di pranzo (c’è anche la pizza!).

Fort Augustus (Scozia)

Falls of Foyers

Nel primo pomeriggio ci dirigiamo verso le Falls of Foyers, prendendo la strada che costeggia la sponda orientale del Loch Ness.

RICORDA / La single track che conduce al parcheggio delle cascate non è delle più semplici, meglio comunque affrontarla dopo 3 giorni che appena usciti dall’aeroporto.

Duncansby Head

Dopo aver percorso il primo tratto della leggendaria North Coast 500 (A9 e A99) e quando è già pomeriggio inoltrato raggiungiamo Duncansby Head, una scogliera a picco sul mare riconoscibilissima per i suoi due imponenti faraglioni. Un luogo che entra nel cuore senza nemmeno bussare. Terminata l’escursione ci dirigiamo all’hotel sito a Castletown, a meno di 30 minuti dalla scogliera.

RICORDA / Prendi in seria considerazione il rischio di non poter cenare, visto che nelle immediate vicinanze c’è il nulla e andare a Thurso potrebbe rivelarsi una cattiva idea se sono più tardi delle 19.00.

Duncansby Head (Scozia)

Giorno 4

Dunnet Head

Di primo mattino raggiungiamo Dunnet Head, gemella diversa di Duncansby Head, con cui condivide la natura del luogo ma non l’effetto wow scatenato a primo impatto dai faraglioni di Duncansby. Rivedremo qualcosa di paragonabile durante il sesto giorno.

Dunnet Head (Scozia)

Thurso

Thurso rappresenta soltanto una tappa intermedia del nostro itinerario in Scozia, utile per fare il pieno di carburante e prenderci qualcosa da mangiare per il pranzo presso il supermercato Tesco, calcolando che a Durness e dintorni non vi è traccia di locali dove mangiare.

Durness

Rotta verso Durness, un villaggio delle Highlands nord occidentali. Prima ci fermiamo a Smoo Cave, curiosa caverna nei pressi di una spiaggia, dove è possibile prenotare un’escursione completa dentro la grotta. Poco più distante sosta obbligatoria a Faraid Head, dove per un attimo abbiamo avuto la sensazione di essere ai Caraibi.

Faraid Head (Scozia)

Ullapool

Ci lasciamo la località di Durness alle spalle e proseguiamo lungo la North Coast 500 (strada A838) in direzione Ullapool, il tratto più scenografico a livello naturale. Superata la cittadina delle Highlands, continuiamo la marcia verso sud, spingendoci fino allo sperduto villaggio di Dundonnell, dove si trova un hotel gestito da giovani spagnoli.

Giorno 5

Red Point

La costa nord occidentale delle Highlands ci continua a regalare autentiche perle. La prima fermata del quinto giorno è davanti a Little Gruinard Beach, una magnetica spiaggia rosa distante meno di 20 km dal villaggio di Dundonnell. A seguire rotta per la cittadina di Gairloch, in prossimità della solare distesa rossa di Red Point.

Red Point (Highlands)

Eilean Donan Castle

Proseguiamo verso sud, lungo la strada che da Gairloch conduce al villaggio di Torridon, entrando nella A896 in prossimità della località Kinlochewe. Da qui continuiamo in direzione Applecross, sulla costa occidentale delle Highlands. Dopo Applecross, prendiamo la single track che riconduce a est, con Eilean Donan Castle come destinazione successiva. Nello specifico, la distanza da percorrere è di 60 km, per una durata complessiva di circa un’ora e mezzo.

CONSIGLIO / La distanza può sembrare irrisoria, ma l’infinita single track cambia le prospettive. Poiché è facile sbagliare strada, ti suggerisco di impostare nel navigatore una località alla volta.

Eilean Donan Castle

Portree (Skye)

Nel tardo pomeriggio, finalmente, entriamo nell’isola di Skye, oltrepassando lo Skye Bridge. Per prima cosa ci dirigiamo al b&b in cui soggiorneremo per due notti, posizionato in località Eyre, a 10 minuti dal centro di Portree. Le due ore scarse che ci rimangono a disposizione le spendiamo per recarci al porto, la principale attrazione della città grazie alle sue caratteristiche case colorate, e cenare in un allegro pub di fronte alla piazza centrale.

Portree (Skye)

Giorno 6

Skye – parte 1

Decidiamo di concentrarci unicamente sulla penisola di Trotternish (a nord di Portree), avendo come prima tappa Fairy Glen (la valle delle fate). Da qui continuiamo il percorso circolare che ci conduce a Staffin Bay (punto panoramico) e Kilt Rock (la scogliera che sembra un kilt). All’ora di pranzo raggiungiamo di nuovo Portree, lasciandoci così al pomeriggio la tappa più suggestiva di giornata: l’Old Man of Storr.

CONSIGLIO / Ti consiglio di compiere il giro della penisola più a nord di Skye in senso orario come abbiamo fatto noi, in modo da raggiungere presto Fairy Glen, dove rischi di non trovare parcheggio se arrivi dopo le 9-10 del mattino.

Fairy Glen (Skye)

Giorno 7

Skye – parte 2

Il secondo e ultimo giorno a Skye ci vede diretti a ovest, per vedere il Dunvegan Castle (dove non entriamo per mancanza di tempo). Da qui ci spostiamo a Claigan Coral Beach, una spiaggia dove del corallo non c’è nemmeno l’ombra ma rimane comunque affascinante.

Andiamo di fretta, ci attendono altri luoghi suggestivi. Il primo di questi è Neist Point Lighthouse, il punto più a ovest dell’isola di Skye. Poco prima di pranzo giungiamo al parcheggio di Fairy Pools, le cascatelle incantate di Skye, il luogo dove abbiamo incontrato in assoluto più macchine. Concludiamo qui la visita dell’isola, ora l’unica preoccupazione è arrivare in tempo ad Armadale, per imbarcarci sul traghetto diretto a Mallaig, città portuale delle Highlands occidentali.

Nest Point Lighthouse

Giorno 8

Road to the Isles

La Road to the Isles è la seconda strada più famosa della Scozia dopo la North Coast 500. Unisce Mallaig a Fort William, regalando due interessanti fermate. La prima è Morar Beach, tra le più belle spiagge scozzesi, la seconda Glenfinnan. Qui parcheggiamo presso la piccola stazione ferroviaria da dove parte il Jacobite e ci addentriamo lungo il sentiero che ci conduce in 30 minuti scarsi nel punto dove si vede il famoso viadotto. Ci aspetta ora Fort William per il pranzo.

Viadotto di Glenfinnan

Luss

Queste sono le ultime ore in Scozia con l’auto a noleggio. Ci resta da visitare Luss, villaggio immerso nel Loch Lomond National Park, a cui dedichiamo poco più di 30 minuti. Il piccolo paese si trova alla tua sinistra mentre percorri la A82 in direzione della capitale scozzese.

Luss (Scozia)

Edimburgo

Una volta restituita la macchina a noleggio presso il centro di Arnold Clark, usufruiamo del servizio navetta gratuito per l’aeroporto di Edimburgo, dove poi saliamo sull’autobus Airlink 100 che ci conduce praticamente di fronte al nostro bed and breakfast.

Giorno 9

Edimburgo – parte 1

Durante la prima parte di giornata a Edimburgo optiamo per visitare il parco Princess Street Garden e il Castello. Ci addentriamo poi lungo Royal Mile, la via che dall’uscita del maniero prosegue a est fino ad arrivare al Palazzo di Holyroodhouse, un tempo residenza ufficiale dei sovrani di Scozia. Nel pomeriggio ci spingiamo presso la città vecchia e il caratteristico quartiere di Dean Village, concludendo a Grassmarket, dove si tiene il mercato storico di Edimburgo.

Castello di Edimburgo

Giorno 10

Edimburgo – parte 2

Trascorriamo le prime ore della giornata in due luoghi simbolo della capitale, il punto panoramico Calton Hill e la collina di Arthur’s Seat. Dopo pranzo visitiamo la nuova città e i Royal Garden Botanic, il giardino botanico reale della capitale, a conclusione del viaggio in terra scozzese, reso unico dai paesaggi delle Highlands settentrionali e i luoghi magnetici di Skye.

Calton Hill

Riepilogo itinerario Scozia di 10 giorni

Luoghi visitati

  • GIORNO 1 (pomeriggio) / Saint Andrews
  • GIORNO 2 (mattina) / Dunnottar Castle, Glamis Castle
  • GIORNO 2 (pomeriggio) / Queen’s view, Inverness
  • GIORNO 3 (mattina) / Loch Ness, Fort Augustus
  • GIORNO 3 (pomeriggio) / Falls of Fayers, Duncansby Head
  • GIORNO 4 (mattina) / Dunnet Head, Thurso, Durness
  • GIORNO 4 (pomeriggio) / Ullapool
  • GIORNO 5 (mattino) / Red Point, Eilean Donan Castle
  • GIORNO 5 (pomeriggio) / Portree
  • GIORNO 6 (mattina) / Fairy Glen, Kilt Rock
  • GIORNO 6 (pomeriggio) / Old Man of Storr
  • GIORNO 7 (mattina) / Dunvengan Castle, Claigan Coral Beach
  • GIORNO 7 (pomeriggio) / Nest Point, Fairy Pools, Mallaig
  • GIORNO 8 (mattina) / Glenfinnan, Fort William
  • GIORNO 8 (pomeriggio) / Luss
  • GIORNO 9 (mattina) / Castello di Edimburgo, Princess Street Garden
  • GIORNO 9 (pomeriggio) / Dean Village, Grassmarket
  • GIORNO 10 (mattina) / Calton Hill, Arthur’s Seat
  • GIORNO 10 (pomeriggio) / Royal Botanic Garden

Pernottamenti

GIORNO 1 / Seascape Largo, Leven
GIORNO 2 / Crown Court Town Hotel, Inverness
GIORNO 3 / Greenland House, Castletown
GIORNO 4 / The Dundonnell Hotel, Dundonnell
GIORNO 5 / Corran House B&B, Eyre
GIORNO 6 / Corran House B&B, Eyre
GIORNO 7 / West Highland Hotel, Mallaig
GIORNO 8 / 4KT Guesthouse, Edimburgo
GIORNO 9 / 4KT Guesthouse, Edimburgo
GIORNO 10 / 4KT Guesthouse, Edimburgo

Distanza percorsa

GIORNO 1 / 106 km
GIORNO 2 / 396 km
GIORNO 3 / 330 km
GIORNO 4 / 283 km
GIORNO 5 / 342 km
GIORNO 6 / 107 km
GIORNO 7 / 188 km
GIORNO 8 / 298 km (consegna auto a noleggio)
GIORNO 9 / 0 km
GIORNO 10 / 0 km

Conclusioni

Questo è stato il nostro itinerario in Scozia della durata di 10 giorni. Per approfondire ulteriormente l’argomento, dai un’occhiata anche alla nostra guida su cosa vedere nelle Highlands.

Prima di salutarti, ti invito a prendere in considerazione il tour di 3 giorni alle Highlands e all’isola di Sky, con partenza fissata dalla capitale Edimburgo. Incluso nel prezzo i due pernottamenti in albergo e le colazioni, il trasporto in autobus, e la guida turistica in lingua italiana. Se ci ripensi, puoi sempre contare sul diritto alla cancellazione gratuita fino a 10 giorni prima.

In alternativa, ti propongo l’escursione di un giorno all’isola di Skye partendo da Inverness. Nel prezzo è inclusa la guida locale in inglese con audioguida in italiano e il trasporto in autobus con Wi-Fi. Hai inoltre diritto alla cancellazione gratuita fino a 24 ore prima.

Se hai qualche domanda sul percorso o vuoi un consiglio, lascia pure un commento qui sotto, sarò felice di aiutarti.