Bevagna è una goccia di essenza medievale in un oceano privato della sua personalità, un bicchiere di riflessi pomeridiani appoggiato su pietre ancora calde, un libro di geometria segreto da tramandare ai posteri. Ed è anche uno dei migliori spot pubblicitari per l’Umbria, regione a me molto cara.

Visitare Bevagna significa passeggiare nella centralissima piazza Silvestri, sgattaiolare nei suoi armoniosi vicoli, partecipare al Mercato delle Gaite, andare alla ricerca di tracce romane millenarie, oggi sepolte dal vestito medievale che gli abitanti del posto non hanno più voluto togliere.

Lascia ora che ti racconti le più belle 5 cose da vedere a Bevagna in mezza giornata o, se te la prendi comoda, in un giorno.

Che cosa vedere a Bevagna


1. Piazza Silvestri

Come esiste il proverbio “tutte le strade portano a Roma”, allo stesso modo a Bevagna tutte le strade portano in piazza Silvestri, una delle più belle piazze dell’Umbria. Cammina nel cuore del centro storico, confonditi tra i bevanati di passaggio, indossa anche tu il vestito medievale del borgo umbro.

piazza silvestri a bevagna

La piazza intitolata all’entomologo (studioso di insetti) Filippo Silvestri, originario proprio di Bevagna, ospita due dei principali luoghi d’interesse della città: il Palazzo dei Consoli e la chiesa di San Michele. Entrambi gli edifici risalgono al XII secolo.

Palazzo dei Consoli

Sullo stesso lato di Palazzo dei Consoli ci sono poi le chiese di San Silvestro e dei Santi Domenico e Giacomo. Sempre in piazza Silvestri puoi ammirare infine una ricca fontana e la colonna romana di San Rocco, anch’essa intitolata al celebre entomologo bevanate.

Leggi anche: Le 12 migliori cose da vedere ad Assisi

colonna romana

2. Chiesa di San Michele

Di chiese a Bevagna ce ne sono tante. Soltanto nella piazza centrale, per dire, ce ne sono tre. Una di queste è la più importante di tutte: la chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo, che puoi distinguere facilmente dalle altre per il suo alto campanile.

Chiesa di San Michele Arcangelo

La costruzione della chiesa risale al XII secolo, ma l’attuale struttura è il risultato di numerosi lavori di restauro. Al suo interno trovi la cappella seicentesca della Madonna del Carmine, realizzata dal pittore Andrea Camassei, e la statua d’argento del patrono San Vincenzo (opera dello scultore Peter Ramoser).

facciata della chiesa di san michele

3. Vicoli del centro storico

Se la piazza centrale è il vestito medievale di Bevagna, i suoi vicoli sono i pantaloni, le scarpe, il cappello, gli occhiali…va beh, mi hai capito. È la parte dei borghi che Chiara ama di più, e nel centro storico del paese umbro la magia si respira a ogni centimetro.

vicolo bevagna
vicolo di fiori

Lasciati sedurre da scorci segreti, conta il numero di arcate che giocano a nascondino con l’infinito, registra i passi degli anziani all’ombra, in un labirinto di idee con caselle sempre nuove da colorare.

Leggi anche: Le 10 cose più belle da vedere a Gubbio

arcate di un vicolo
vicolo in salita

4. Museo di Bevagna

A pochi passi da piazza Silvestri inizia corso Matteotti, su cui si affacciano i palazzi più eleganti della città. Tra questi c’è anche Palazzo Lepri, oggi sede del Museo Civico. Al suo interno è possibile visitare sia il Museo Archeologico che la Pinacoteca, dove puoi ammirare il dipinto dell’Adorazione dei magi di Corrado Giaquinto.

dipinto museo civico di bevagna
Adorazione dei Magi di Corrado Giaquinto – Foto di Museo di Bevagna

Indirizzo
Corso Matteotti (Palazzo Lepri)

Prezzi
biglietto intero: 7,00 euro
ridotto per over 65 e under 18: 5,00 euro
gratis per bambini fino a 6 anni e disabili

Orari
da aprile a settembre aperto giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 10:30 alle 18:00
da ottobre a marzo aperto giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 10:30 alle 17:00

Contatti
Telefono: + 39 0742 361667 / +39 346 5460942 (Pro Loco Bevagna)
Email: info@prolocobevagna.it
Sito web: prolocobevagna.it

Il consiglio di Viaggi e Ritratti: l’acquisto del biglietto d’ingresso del Museo di Bevagna ti consente di visitare gratuitamente il Teatro Francesco Torti (all’interno del Palazzo dei Consoli) e l’edificio delle terme romane in piazza Garibaldi.

5. Mercato delle Gaite

Se Bevagna è diventata famosa nel resto d’Italia e all’estero lo deve soprattutto al Mercato delle Gaite, una maestosa rievocazione medievale che si svolge ogni anno nel centro storico durante la seconda parte del mese di giugno. Gli esperti la considerano la più importante rievocazione storica medievale in Europa.

Inaugurata nel 1989, la manifestazione coinvolge gli abitanti delle Gaite, che è il nome assegnato fin dall’antichità ai quattro quartieri di Bevagna. L’obiettivo dei partecipanti è di ricostruire nella maniera più fedele possibile quella che era la vita quotidiana del borgo medievale tra il 1250 e il 1350.

Maggiore è l’attinenza storica delle ricostruzioni, più alte sono le possibilità per una delle quattro Gaite di vincere il Palio della Vittoria, il premio assegnato da una giuria di esperti a chi ottiene il punteggio più alto nelle quattro gare in programma (Gara Gastronomica, Gara dei Mestieri, Gara del Mercato e Gara di tiro con l’arco).

Ultima edizione: dal 14 al 25 giugno 2023
Sito ufficiale: ilmercatodellegaite.it

Mappa

Nei dintorni di Bevagna


🎄Non perderti le migliori offerte di viaggio e codici sconto esclusivi: risparmia con il nostro canale Telegram