Bath è una città del Somerset, contea dell’Inghilterra del sud-ovest, famosa in tutto il Regno Unito per le sue terme romane, dichiarate patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. È anche la città che ha ospitato per un paio d’anni Jane Austen, una delle autrici più celebri della letteratura mondiale. Inoltre, negli ultimi anni la sua popolarità è cresciuta ulteriormente grazie alla celebre serie televisiva Bridgerton.

Insieme alla città universitaria di Oxford, Bath è tra le mete più gettonate per una gita di un giorno da Londra, grazie ai collegamenti diretti in treno dalla stazione di London Paddington. La durata del viaggio è di circa 90 minuti.

Se invece stai pianificando un viaggio in auto nell’Inghilterra del Sud, Bath è in una posizione strategica sia per visitare le vicine Cotswolds che Stonehenge. Chiara ed io abbiamo visitato Bath dopo i deliziosi villaggi delle Cotswolds (tra cui il piccolo paese di Stow-on-the-Wold), per poi fare rotta a Bude, da dove ha avuto inizio il nostro viaggio alla scoperta della Cornovaglia in 3 giorni.

Lascia ora che ti mostri le più belle cose da vedere a Bath durante una breve visita.

Le 5 cose da vedere a Bath


1. Terme romane di Bath

La storia di Bath affonda le sue radici a più di 2.500 anni fa, quando per primi i Celti scoprirono le acque sulfuree della città. La costruzione delle terme risale invece al I secolo a.C.: stavolta i Celti non c’entrano, è tutta opera dei romani. Da allora, le terme sono il simbolo stesso di Bath, tanto da valere l’ingresso nel patrimonio dell’umanità UNESCO.

terme romane bath
Terme romane di Bath | theromanbaths

Le terme romane di Bath si trovano in pieno centro, a pochi passi dall’abbazia. Per visitarle occorre acquistare in anticipo il biglietto d’ingresso o prenotare uno dei tanti tour in partenza da Londra che includono l’ingresso alla terme. Compresa nel biglietto c’è anche un’utile audioguida, grazie alla quale puoi scoprire tutta la storia delle terme mentre ripercorri le orme degli antichi romani in quello che è l’unico sito termale naturale del Regno Unito.

Indirizzo: Abbey Churchyard
Orari di apertura: ottobre 2023 tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00 (ultimo ingresso alle 17:00) / dal 1° novembre al 24 dicembre 2023 dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 18:00 (ultimo ingresso alle 17:00), sabato e domenica dalle 9:00 alle 18:00 (ultimo ingresso alle 17:00) / dal 27 al 31 dicembre 2023 dalle 9:00 alle 18:00 (ultimo ingresso alle 17:00)
Prezzi biglietti: £20.50 (dal lunedì al venerdì) / £23.50 (sabato e domenica)
Contatti: romanbaths.co.uk

Il consiglio di Viaggi e Ritratti – Le terme di Bath sono una delle attrazioni più visitate del Sud dell’Inghilterra, prenotare in anticipo i biglietti almeno un paio di giorni prima è fondamentale per riuscire a entrare, soprattutto se hai solo mezza giornata a tua disposizione. Se invece hai più tempo, puoi anche prendere in considerazione di prenotare i biglietti di fronte all’ingresso (c’è un QR Code che ti rimanda al sito ufficiale per la selezione del giorno e dell’orario di visita).

2. Abbazia di Bath

Il frastuono intorno alle terme romane si spegne all’improvviso una volta dentro l’abbazia di Bath, nota anche con l’appellativo di chiesa abbaziale di San Pietro e Paolo. La sua costruzione risale al VII secolo, ma deve l’architettura gotica attuale ai lavori di ristrutturazione completati nel Cinquecento.

abbazia di bath

Al suo interno venne incoronato Edgardo d’Inghilterra, ritenuto dagli storici il primo sovrano del regno anglosassone. Imperdibili le vetrate, tra le più belle e luminose di tutta l’area del Sud-Ovest d’Inghilterra. L’ingresso è a pagamento: puoi acquistare il biglietto quando entri oppure prenotare un tour con inclusa la visita guidata all’abbazia.

Indirizzo: Bath BA1 1LT
Orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 17:30 / sabato dalle 10:00 alle 18:00 / domenica dalle 13:15 alle 14:30 e dalle 16:30 alle 18:30
Prezzi biglietti: £6.50 adulti / £3.50 dai 5 ai 15 anni / grati dai 0 ai 4 anni
Contatti: bathabbey.org

Leggi anche: I 6 luoghi da non perdere a Oxford

3. Ponte Pulteney

A meno di 5 minuti a piedi dall’abbazia di Bath ecco il ponte Pulteney, uno dei luoghi simbolo della città termale inglese. Costruito nel Settecento dall’architetto scozzese Robert Adam, collega il centro di Bath con il quartiere residenziale Bathwick, noto per le sue residenze in stile georgiano. Sotto di lui scorre il fiume Avon, che nasce nelle Cotswolds per poi sfociare nei pressi di Bristol.

ponte pulteney bath

Se lo guardi bene, presenta una vaga somiglianza con il Ponte Vecchio di Firenze. No, non è un caso: per la sua opera Robert Adam si ispirò sia al celebre ponte del capoluogo toscano che al Ponte di Rialto. E come loro, è uno degli unici quattro ponti al mondo ad avere negozi su entrambi i lati (il quarto si trova a Erfurt, in Germania).

Vicino al ponte Pulteney ci sono diverse scalinate che conducono ad altri luoghi d’interesse della città, su tutte i Parade Gardens. Da qui, tra le altre cose, puoi godere di una prospettiva originale sul ponte, nonché passeggiare accanto al fiume Avon. L’ingresso ai giardini è a pagamento (si entra dalla via Grand Parade).

primo piano ponte pulteney bath

4. Museo di Jane Austen

Bath non è famosa soltanto per le sue terme. Gli amanti di letteratura associano infatti la città della contea del Sormeset alla figura di Jane Austen, una delle autrici più note della letteratura tanto del Regno Unito quanto mondiale. La Austen, originaria di Steventon (piccolo villaggio dello Hampshire), si trasferì a Bath insieme ai genitori e all’amata sorella Cassandra nel 1800, all’età di 25 anni: vi restò fino al 1806, un anno dopo la morte improvvisa del padre.

museo jane austen bath

Le prime bozze dei suoi romanzi più famosi, vale a dire Orgoglio e pregiudizio e Ragione e sentimento, erano già terminate. A Bath sono però ambientati altri due romanzi: Persuasione e L’abbazia di Northanger, entrambi pubblicati postumi. Sempre nella città termale inglese la scrittrice visse in prima persona il lutto per la morte di suo padre, il pastore anglicano George Austen. Questo tragico evento segna la fine del suo soggiorno a Bath insieme alla madre e alla sorella Cassandra.

La parentesi di 6 anni a Bath della celebre autrice è racchiusa all’interno del Jane Austen Center, il museo a lei dedicato. Un paio di guide, rigorosamente in costume, ti accompagnano in un viaggio alla scoperta della sua figura, dei suoi vestiti, della sua attività letteraria e dei suoi alimenti preferiti. Un’esperienza da non perdere, in particolare se ami quelli che sono i suoi romanzi più celebri.

Indirizzo: Gay Street 40
Orari di apertura: in estate tutti i giorni dalle 9:45 alle 18:00 / in inverno da domenica a venerdì dalle 10:00 alle 17:00, sabato dalle 9:45 alle 18:00
Prezzi biglietti: £12 adulti / £10.50 over 60 / £5.20 dai 6 ai 16 anni / gratis dai 0 ai 5 anni
Contatti: janeausten.co.uk

5. Royal Crescent

La particolarità di Bath sta nell’avere un ristretto numero di luoghi d’interesse, ma ognuno di essi sa essere più che speciale. Dopo le terme romane, l’abbazia, il ponte e il museo dedicato a Jane Austen, la quinta gemma è il Royal Crescent, un caratteristico complesso residenziale a forma di mezzaluna, uno dei più grandi esempi di architettura georgiana di tutto il Regno Unito.

royal crescent bath viaggieritratti

Progettato dall’architetto locale John Wood il Giovane nella seconda metà del Settecento, sorge attorno l’idilliaco Royal Victoria Park, il parco pubblico di Bath dedicato alla regina Vittoria. Per arrivarci a piedi, prosegui lungo la salita del Museo di Jane Austen, quando poi sei di fronte al Circus svolta a sinistra e vai sempre avanti fino a quando non inizi a scorgere il pomposo complesso del Royal Crescent.

circus bath
Circus

Dopo aver ospitato numerosi personaggi illustri in passato, oggi è la sede di un lussuoso hotel a cinque stelle, un museo che racconta come era la vita durante l’età giordana e diverse abitazioni private. Di recente ha acquisito grande notorietà anche tra i fan della serie tv Bridgerton, essendo dopo essere stato scelto come location per la casa della famiglia Featherington.

Il consiglio di Viaggi e Ritratti – Se segui il nostro itinerario, dal Royal Crescent puoi raggiungere in un attimo l’ampio parcheggio a pagamento di Charlotte Street, dove Chiara ed io abbiamo parcheggiato l’auto a noleggio che abbiamo usato per visitare la Cornovaglia. All’uscita del parcheggio c’è una toilet pubblica, anche questa a pagamento.

panoramica royal crescent

Dove parcheggiare a Bath

Il parcheggio più congeniale per la visita al centro di Bath è Charlotte Street Car Park, area di sosta a pagamento all’aperto nei pressi del Royal Victoria Park. Si trova a 10 minuti a piedi dalle terme romane e dall’abbazia.

Noi abbiamo parcheggiato qui: se segui il nostro itinerario, al termine della visita del Royal Crescent ti sarà sufficiente attraversare la prima parte del Royal Victoria Park per raggiungere di nuovo il parcheggio in meno di 5 minuti a piedi.

Mappa con i luoghi da visitare a Bath

Come usare la mappa: Clicca in alto a sinistra della mappa per visualizzare la lista dei luoghi da visitare, dopodiché seleziona uno dei punti di interesse per maggiori informazioni. Se vuoi ingrandire la mappa, clicca in alto a destra. Puoi anche salvarla nelle tue mappe di Google semplicemente cliccando sull’icona della stella.

Conclusioni

La guida sulla visita di Bath termina qui. Se hai un dubbio o una domanda lascia pure un commento qui sotto, ti risponderò il prima possibile.

Speciale Inghilterra del Sud

Speciale Cornovaglia


✈︎ Non perderti le migliori offerte di viaggio e codici sconto esclusivi: risparmia con il nostro canale Telegram

Per mantenere Viaggi e Ritratti un blog gratuito, è possibile che riceva delle commissioni se acquisti un prodotto da uno dei link presenti nel testo (Disclaimer). Il prezzo non subisce variazioni per te. Grazie per il tuo supporto - Federico e Chiara.