Ammirare le Pale di San Martino da Baita Segantini è un’esperienza bellissima, a tratti mistica, che consiglio di fare a tutti almeno una volta nella vita. Io e Chiara abbiamo iniziato l’escursione da Passo Rolle: da qui, restando sempre sul percorso principale, siamo arrivati a Baita Segantini dopo circa un’ora. È un trekking alla portata di tutti, nonostante si sviluppi sopra i 2.000 metri di quota, inoltre regala una vista magnifica, specialmente alla fine, quando le Pale si mostrano in tutta la loro magnificenza. Se ti va, te lo racconto meglio.

L’escursione da Passo Rolle a Baita Segantini

Il percorso inizia a Passo Rolle, nei pressi della biglietteria per lo Ski Pass (d’inverno sono infatti attive sia la sciovia Rolle sia la seggiovia tripla Castellazzo). Qui il segnavia riporta 30 minuti per raggiungere Baita Segantini, tieni conto però che tra pause e foto potresti impiegare il doppio del tempo, come è capitato a noi.

La strada su sfondo sterrato si presenta senza alcun tipo di difficoltà, tanto che puoi benissimo percorrerla anche con il passeggino per tutta la durata dell’escursione.

Volendo, comunque, anziché camminare sulla strada principale puoi seguire le indicazioni per il sentiero: la pendenza è un po’ più impegnativa, l’ampia forestale dell’inizio si trasforma in un vero sentiero di montagna, ma hai il vantaggio di percorrere meno strada e arrivare dunque prima alla Baita. Se non sei del tutto principiante e in passato hai già affrontato trekking simili, troverai questo secondo itinerario sicuramente più divertente.

A circa metà percorso trovi il rifugio Capanna Cervino, dove puoi fermarti a pranzo o soltanto per una veloce sosta rigenerante. Tieni conto che da qui a Baita Segantini occorrono all’incirca altri 20 minuti di camminata, quindi valuta tu cosa sia più giusto fare, anche in base all’orario e alle forze fisiche rimaste.

Tip: la Capanna Cervino ospita un bagno pubblico gratuito, approfittane nel caso ne avessi bisogno.

La forestale sterrata prosegue sempre in leggera ma costante ascesa. Davanti a te le Pale di San Martino si avvicinano metro dopo metro, lasciando già intuire lo spettacolo che è lì ad attenderti.

All’improvviso, dopo una curva a sinistra, ecco la meta finale del percorso: Baita Segantini se ne sta lì, all’ombra delle Pale, con un piccola pozza d’acqua nelle immediate vicinanze.

Pochi metri avanti la Baita c’è la migliore postazione fotografica che tu possa desiderare: perfino Chiara (foto qui sotto) ha voluto posare per uno scatto, cosa più unica che rara.

E dopo una sosta più che meritata, si torna indietro a Passo Rolle compiendo lo stesso tragitto dell’andata, stavolta però in discesa.

Se non ti fermi ogni minuto per scattare le foto e cammini a passo sostenuto, in circa 40 minuti sei di nuovo al punto di partenza.

Scheda escursione Passo Rolle – Baita Segantini

  • Partenza: Passo Rolle, salendo da San Martino di Castrozza (1.984 m)
  • Arrivo: Baita Segantini (2.200 m)
  • Distanza: 1,5 km (andata)
  • Durata: 40 minuti (andata)
  • Dislivello: 216 m
  • Difficoltà: facile

Bus navetta 2021

Fino al 12 settembre è attivo un comodo servizio navetta da Passo Rolle a Baita Segantini al costo di 5 euro a tratta, tutti i giorni della settimana dalle 8 alle 18. Per maggiori informazioni o prenotare una corsa chiama il numero di telefono 3792648349.

💡 Trovi gli ultimi aggiornamenti sulla mobilità nel Parco Naturale Paneveggio – Pale di San Martino a questa pagina.

Dove parcheggiare

Se arrivi da San Martino di Castrozza, parcheggia l’auto nell’area di sosta situata di fronte alla biglietteria per lo Ski Pass. Il parcheggio è gratuito, e se arrivi entro le 9:00 non dovresti avere problemi a trovare un posto libero.

Nell’eventualità dovessi trovare tutti i posti occupati, sali ancora per 300-400 metri, fino al parcheggio gratuito di fronte all’hotel Venezia. Si tratta di un’area molto più grande, in pratica vai a colpo sicuro a tutte le ore del giorno.

Altri itinerari da fare lungo il tragitto per Baita Segantini

  • Cristo Pensante: lungo la salita che da Passo Rolle conduce a Baita Segantini segui le indicazioni per Castellazzo, segnavia R01, che trovi una volta superato il rifugio Capanna Cervino. Il trekking del Cristo Pensante misura 2,8 km (solo andata) per un dislivello di 190 metri e 1 ora e 15 minuti di camminata
  • Val Venegia: dopo Baita Segantini prosegui avanti, lungo il sentiero che porta a Malga Venegiota e Malga Venegia. Il percorso non è difficile, ma ci vuole un’ora e mezza abbondante per arrivare alla seconda malga
  • Rifugio Mulaz: raggiunta la Baita, imbocca il percorso che conduce al rifugio alpino Volpi al Mulaz, situato nel territorio di Piè Falcade (provincia di Belluno). Tieni conto un trekking della durata di 2 ore e 30 minuti circa (solo andata)

Cosa c’è da fare e vedere qui vicino